M.I.A.O. – Mici Internet Avvistati Ovunque

Milioni di persone hanno visto una mela cadere, ma solo Newton si è chiesto davvero il perché.
Oggi viviamo in una società evoluta, nella quale ogni fenomeno trova la sua spiegazione logica.
Ma c’è ancora una domanda, un mistero che neanche le menti più evolute sono in grado di risolvere.
Perché il web ama i gatti?

Nell’ultimo decennio è cresciuta esponenzialmente la considerazione pubblica verso i felini, tanto da inaugurare nel 2013 l’Internet Cat Video Festival, con più di cinquantamila partecipanti e più di diecimila video proiettati.

 

Ripeto: perché?

Noi abbiamo provato a farci qualche domanda e anche a darci qualche risposta.

 

Perché sono soffici e carini?

Forse. Lo aveva già intuito Harry Pointer, che nel 1870, ha ritratto dei gattini con frasi divertenti, nei biglietti da visita. Un’opera ricca del tipico umorismo slapstick che mette i nostri compagni felini sullo stesso livello artistico di Stan Laurel, Oliver Hardy, Buster Keaton, Charlie Chaplin e i fratelli Marx.

Creepy Cat Portraits in The Early 1900’s (3)

Perché sono bizzarri?

Magari godiamo nel vederli nelle pose e situazioni più bizzarre. E magari invidiamo quel loro modo di tirarsi prontamente fuori dai guai e di essere a proprio agio in qualsiasi situazione.

Perché i gatti sono belli?

Ovvio. Il gatto è un animale elegante e raffinato e lo sa perfettamente. I gatti sono felicissimi del loro aspetto fisico, suscitando una malcelata invidia nei compagni umani che passano ore avanti allo specchio, frustrati ed insoddisfatti.

Perché sono misteriosi?

Anche. Sono i compagni dei supercattivi dei film, sono alieni che progettano il dominio del mondo (secondo un sondaggio del New York Times, il 4% degli americani crede che sia proprio così), ma soprattutto i loro artigli hanno quell’aria affascinante di un pericolo nascosto dietro i morbidi cuscinetti.

Perché sono esseri umani?

In effetti sono gli animali da compagnia più espressivi secondo la scienza: dai movimenti delle orecchie agli occhi, alla coda, le movenze naturali del corpo felino sono più efficaci di qualunque linguaggio dei segni inventato dall’Uomo.

 

Schermata 2016-07-12 alle 16.50.13


Perché i gatti e non cani?

Probabilmente perché i cani sono fin troppo facili da interpretare mentre il gatto continua a mantenere un’aurea di fascino, un’imprevedibilità magica.

E poi, mentre i padroni cinofili fanno community al parco durante la passeggiata del loro amico a 4 zampe, i gattari trovano su internet quella comunità che non riescono a ricreare nella vita reale.

Perché i gatti sono magici?

Esiste un articolo di Forbes prova a spiegare la connessione gatti-internet facendo rifermento alle teorie psicanalitiche di Carl Gustav Jung, in particolare al valore del mito nell’inconscio collettivo. Il giornalista Jordan Shapiro ipotizza che il successo dei gatti su internet sia legato a una mutazione del loro valore mitologico. Prima ancora di essere dei personaggi letterari, i felini sono infatti dei personaggi mitologici: basta pensare al Dio egizio Bastet, raffigurato come un gatto, o ad Artemide, la dea greca che secondo il mito si trasformava in gatto per andare a rifugiarsi sulla luna.

 

Insomma…

 

In quattromila anni di Storia l’Uomo ha creato e rinnegato credenze, abiti e consuetudini; ha inventato armi per annientare il pianeta ed ha lanciato astronavi sulla Luna cambiando per sempre il nostro modo di confrontarci con l’universo intorno a noi. È cambiato tutto, ma non il gatto. Non è cambiato di una virgola perché è felice così. Il gatto sa di essere perfetto e per questo ha conquistato il mondo intero.

Anche l’internét.

 

P.s.

Chi vuole adottare un micino al quale dedicare il proprio canale Youtube può scrivere a danilo.fragale@comeonline.it
Ecco le foto delle 3 micine in cerca di casa:

 

AE528E02-466E-4078-A984-4A7F3D56A60E

 

Schermata 2016-07-13 alle 11.03.38

×

Comments are closed.